08 febbraio 2017

5 cose che non pensavi di poter riciclare

Dedicati al riciclo creativo a costo zero in modo semplice e divertente

Il riciclo creativo prende forma da tutto ciò che normalmente riteniamo di dover scartare e gettare via nella nostra vita quotidiana, con particolare riferimento ai comuni imballaggi. Eppure ci sono diversi involucri ma anche dei veri e propri oggetti che sembrano da eliminare ma che in realtà possono aiutarci a mettere in moto la creatività.

Da cosa possiamo partire per dedicarci al riciclo creativo? Le idee sono davvero tante e prima di tutto bisogna prendere spunto dalla propria fantasia e dal desiderio di realizzare a costo zero qualcosa di utile nella vita quotidiana o di decorativo per la propria casa, tenendo a mente la riduzione dei rifiuti e il rispetto per l’ambiente.

Ecco 5 cose che non pensavi di poter riciclare ma che ti aiuteranno ad entrare nel mondo del riciclo creativo.

1) Capsule del caffè
Conserva le capsule del caffè per creare decorazioni e eco-gioielli. Basta dare loro la forma desiderata premendole con le dita per creare delle ‘pietre preziose’ sfaccettate e ottenere decorazioni per orecchini, ciondoli per le collane, componenti per i bracciali oppure spille e calamite con l’aggiunta di un magnete o ancora decorazioni delle borse.

2) Scatole delle caramelle
Le scatoline con coperchio delle caramelle, siano di latta o di plastica, possono diventare subito dei contenitori davvero comodi, da abbellire eventualmente decorandoli con degli adesivi o rivestendoli con della carta colorata. Le scatole delle caramelle si trasformano in comodissime custodie per le cuffiette dello smartphone, in contenitori per portare con sé dei piccoli oggetti da custodire durante un viaggio o più semplicemente in portapillole.

3) Bustine di tè
Non gettate le bustine di tè dopo averle utilizzate. Potrete strizzarle e utilizzarle sul viso passandole con delicatezza per ottenere un effetto esfoliante naturale, oppure potrete svuotarle del loro contenuto che sarà comodissimo da riciclare per concimare le piante. Altrimenti se lasciate asciugare le bustine di tè poi potrete svuotarle e usare il contenuto per preparare un pot-pourri fai-da-te per profumare la casa.

4) Vecchie posate
Persino le vecchie posate possono diventare protagoniste dei vostri progetti di riciclo creativo. Cucchiai e forchette, ad esempio, possono diventare i ganci di un appendiabiti, oppure dei portatovaglioli, o ancora dei bracciali. In questi casi le posate vanno ripiegate su se stesse per ottenere la forma voluta.

5) Vecchie federe
Le vecchie federe dei cuscini anche se sono un po’ rovinate non sono per niente da buttare. Se sapete cucire potrete trasformarle in vestitini per le bambole, in bavaglini, in puntaspilli o in custodie per il cellulare grazie al recupero della loro stoffa, senza dimenticare che potrete creare dei sacchetti da riempire con i fiori di lavanda per profumare gli armadi.

Pronti a dedicarvi al riciclo creativo?

by Marta Albè