31 maggio 2017

5 idee per riciclare le vecchie saponette

Chi ogni giorno usa le saponette per lavarsi le mani, periodicamente si ritrova con dei piccoli pezzetti che diventano sempre più difficili da utilizzare e magari si gettano via per lasciare spazio a nuovi saponi dalle dimensioni più consone. Questo in realtà è un errore (oltre che uno spreco), le rimanenze delle saponette si possono infatti sfruttare in tanti modi.

Con le vecchie saponette quasi finite o con quelle rimaste inutilizzate si possono preparare ad esempio nuovi saponi (anche liquidi), grattugiarle per ottenere un sapone in scaglie per la lavatrice, realizzare uno scrub da usare sotto la doccia o ancora dei profumatori per armadi e cassetti.

Nuova saponetta
Riunite insieme tutti i rimasugli di saponette e fateli sciogliere a bagnomaria in un pentolino. Versate poi il contenuto liquido in uno stampo che può essere di silicone, di plastica o di tetrapak e aspettate che si raffreddi e solidifichi. A questo punto la vostra nuova saponetta è pronta per l’uso.

Sapone liquido
Se preferite realizzare un sapone liquido per le mani, per prima cosa grattugiate tutti gli avanzi di saponette a disposizione e lasciateli sciogliere in acqua bollente (per ogni cucchiaio di scaglie di sapone occorrono 700 ml di acqua) mescolando lentamente con un cucchiaio per evitare grumi. Dopo che il sapone si è ben sciolto, lasciate raffreddare un po’ e poi versate in un contenitore con il dispenser.

Sapone in scaglie per la lavatrice
Se avete rimanenze di sapone di marsiglia, potete ridurlo in scaglie e utilizzarlo per lavare i panni in lavatrice. Ne bastano 3 cucchiai alla volta. Per ottenere un effetto migliore potete aggiungere un cucchiaio di percarbonato al lavaggio. Se invece volete realizzare un sapone liquido per la lavatrice vi occorreranno 25 grammi di avanzi di sapone di marsiglia ogni 2,5 litri d’acqua. Si prepara esattamente come il sapone liquido sopra riportato ma in più potete aggiungere qualche goccia di olio essenziale per dargli una maggiore profumazione.

Scrub
Potete sfruttare gli avanzi delle saponette per realizzare un semplice scrub per il corpo da utilizzare sotto la doccia. Grattugiate il sapone, inseritelo in un guanto da doccia oppure in un sacchetto di iuta o cotone grezzo e utilizzatelo al posto della spugna ogni volta che vi fate il bagno o la doccia.

Profumatori per armadi e ambienti
I vecchi saponi possono diventare dei profumatori per armadi e ambienti, basta creare delle nuove saponette come indicato sopra e aggiungere alcune gocce di olio essenziale in modo tale che queste sprigionino per lungo tempo l’aroma prescelto. Grande classico per la profumazione della biancheria è l’olio essenziale di lavanda ma si può usare anche il limone, l’eucalipto o la fragranza che più preferite. Se avete rimasugli di saponette già di per sé molto profumate potete utilizzarle così come sono semplicemente chiuse in piccoli sacchetti da riporre dove più vi serve.

by Francesca Biagioli