04 ottobre 2017

Citytree, come pulire le città con una piccola parete

Un pannello 4 metri per 3 con tanto di panchina per togliere di mezzo lo smog

Creata da Green City Solutions, ecco la parete verde ad alta tecnologia che depura l’aria con gli stessi risultati che darebbero 275 alberi urbani.

Aria pulita in città? Possibile se a pensarci è un “muro vegetale” che sarebbe in grado di depurare l’aria esattamente come farebbero 275 alberi tutti insieme. Si tratta di CityTree, il primo filtro bio-tech al mondo che migliora la qualità dell’aria e che può essere installato in qualsiasi zona della città per svolgere il compito di “polmone verde”.

In uno spazio di 3,5 metri quadri, o di 1,5 m² nelle versione sottile, CityTree altro non è che un pannello protetto da piante che danno ombra e da muschio, che è in grado di trattenere il particolato, gli ossidi di azoto e l’anidride carbonica presenti in atmosfera, producendo, nello stesso tempo, ossigeno e raffreddando l’aria.

“Le colture di muschio hanno una superficie di foglie molto più grande di qualsiasi altra pianta, il che significa che possiamo catturare più inquinanti”, dice Zhengliang Wu, co-fondatore di Green City Solutions.

L’inquinamento urbano è un problema enorme in molte città del mondo: la cattiva qualità dell’aria può significare un aumento di condizioni croniche come l’asma, rendendo anche difficili passeggiate o attività all’aria aperta.

Una soluzione evidente sarebbe quella di creare più spazi verdi, dal momento che, si sa, le piante possono contribuire a migliorare in modo significativo la qualità dell’aria e ridurre il particolato. Ma, visto l’andazzo, sarà più probabile che sulla terra vengano colate altre tonnellate di cemento piuttosto che vengano creati dei polmoni verdi.

È per questo che la soluzione lanciata dalla start up berlinese Green City Solutions, con una “perfetta combinazione di piante e tecnologia IoT”, mira a raggiungere gli stessi risultati di quasi trecento alberi: una vera e propria “foresta urbana” che integra la funzione naturale delle piante con la tecnologia e che raccoglie dati sulla salute dell’aria della città, rilevata attraverso dei sensori.

CityTree ha una fornitura completamente automatica di acqua e sostanze nutritive da un serbatoio incorporato, per cui l’irrigazione è completamente indipendente. Realizzato in materiale riciclato, è dotato anche di pannelli solari ed è disponibile in differenti versioni, con o senza panchina integrata, in vari colori e con diversi tipi di legno. Ha un ciclo di vita molto lungo e può essere smontato e rimontato in otto ore.

Il dispositivo è già stato installato in venti città, tra cui Parigi, Bruxelles, Hong Kong e, quanto all’Italia, a Modena, in Emilia Romagna.

Obiettivo dei creatori? Esportarlo in tutte le città del mondo e riuscire così fino a 240 tonnellate di anidride carbonica in un anno.

by Germana Carillo