12 ottobre 2016

Le tradizioni di Natale nel mondo

Come si festeggia il Natale nel mondo? Sappiamo bene che in Italia al centro delle tradizioni natalizie troviamo il classico albero con lucine e decorazioni, il presepio e i regali da scartare insieme a tutta la famiglia la sera della Vigilia o la mattina del 25 dicembre, il pandoro e il panettone. In base alle regioni c’è chi dà più importanza al cenone del 24 o al pranzo di Natale.

E’ molto interessante andare alla scoperta dei diversi modi di festeggiare il Natale in Paesi sia vicini che lontani da noi. Forse non sapevate che per tradizione in Francia i bambini sistemano degli zoccoli vicino al focolare nella speranza di ricevere regali durante la notte di Natale. Sono famosi i presepi di Augagne, realizzati con statuette di creta.

In Norvegia la tradizione vuole che durante la Vigilia di Natale degli spiriti maligni possano raggiungere le case per disturbare il sonno dei loro abitanti. Il trucco per salvarsi da questi visitatori indesiderati è quello di nascondere eventuali scope e bastoni presenti in casa, dato che sarebbero i loro mezzi di trasporto preferiti, un’immagine che ricorda un po’ la nostra “Befana”.

In Germania i festeggiamenti per il Natale iniziano già il 6 dicembre con i bambini che attendono l’arrivo di Nikkolaus (San Nicola), pronto a portare in dono caramelle, noci e dolcetti a chi sarà stato buono durante l’anno. Il Natale in Germania è poi molto noto per la presenza dei mercatini artigianali. I più famosi vengono organizzati a Norimberga. Altri mercatini di Natale rinomati si svolgono a Dresda e ad Asburgo.

In Russia il Natale non viene celebrato il 25 dicembre, ma il 7 gennaio, secondo il calendario della Chiesa Ortodossa. Il mese di dicembre per i credenti rappresenta un periodo di digiuno e le festività natalizie si concludono il 13 gennaio.

In Spagna è tradizione lasciare sulla tavola del cibo e delle bevande a disposizione per Babbo Natale, in modo che possa trovare un po’ di ristoro durante il suo viaggio di casa in casa per la consegna dei regali.

In Inghilterra le famiglie iniziano ad esporre le decorazioni natalizie nelle abitazioni circa due settimane prima del 25 dicembre. I bambini la sera della Vigilia appendono della calze al caminetto nella speranza di ricevere dei regali. Sulla tavola lasciano un bicchiere di latte e un dolce per Babbo Natale, insieme a una carota per la renna Rudolf.

Se ci allontaniamo dall’Europa e arriviamo in Giappone, scopriamo che anche qui si festeggia il Natale, non tanto in senso religioso ma come occasione per trascorrere del tempo con la famiglia e le persone care.

Non è raro che la sera del 24 dicembre in Giappone si trasformi in un’occasione per le coppie di trascorrere dei momenti speciali grazie ad una cenetta romantica al ristorante, con prenotazioni che devono avvenire anche un mese prima, data la diffusione di questa particolare tradizione.

Infine, forse non sapevate che le Filippine festeggiano il periodo di Natale più lungo del mondo. Infatti qui ci si cala nell’atmosfera natalizia già da settembre o ottobre. E’ abitudine delle famiglie decorare la casa a tema natalizio con molto anticipo rispetto al giorno di Natale vero e proprio. Nelle serate di dicembre si servono dolcetti tradizionali accompagnati da tè allo zenzero.

by Marta Albè