10 luglio 2017

Pranzo fuori casa: che problema!

Voglia di perdere qualche chilo per rimettersi in forma con l’estate? Spesso il problema più grande è il pasto fuori casa: non tutti al lavoro hanno infatti una mensa e spesso la scelta obbligata è il bar in cui si opta per un panino o peggio per un tramezzino, spesso troppo ricco di grassi e poco saziante. In realtà la cosa migliore è potersi organizzare e portare un pasto da casa, ma quali possono essere delle scelte veloci e facili che siano equilibrate dal punto di vista calorico?

Prima regola, non deve mancare la verdura: abbondante, cruda o cotta di stagione, è l’elemento su cui basare il pranzo: dagli asparagi, ai carciofi, alle carote o l’insalata, partiamo da qui. Se abbiamo a disposizione verdura cruda, preparata in abbondanza la sera prima, possiamo preparare facili insalatone, in cui mettere fagioli cannellini o borlotti (se utilizziamo quelli in barattolo in vetro, li sciacquiamo bene dall’acqua di conservazione), o tofu per i vegani, o mozzarella o alici o sgombro, aggiungendo qualche seme di sesamo, lino o zucca, o qualche noce, una fetta di pane integrale. Ottima soluzione è anche preparare insalate di cereali freddi: dal farro all’orzo, o la quinoa o al più rapido cuscus preparati la sera prima, e conditi con varie verdure e lasciati in frigorifero fino al giorno successivo.

Cosa è bene evitare se si vuole perdere qualche chilo? Molto spesso con la erronea credenza che abbiano poche calorie, molti portano al lavoro un pacchetto di cracker e un frutto, non tenendo conto che a parità di peso, i cracker apportano molte più calorie di un pane integrale a dispetto della sazietà e se associato ad un frutto avremo un pasto sbilanciato verso i carboidrati senza presenza di proteine. In più, se i cracker non sono integrali, hanno un alto indice glicemico, caratteristica che stimola l’ormone insulina, con conseguenze deleterie sia sul fronte peso corporeo che senso di fame, che ci porteremo fino a cena abbondando troppo nel pasto serale: si crea un circolo vizioso che non ci farà dimagrire nonostante i pranzi leggeri.

Quindi basta organizzarsi e sapere che un pranzo equilibrato sarà l’arma vincente e la frutta se vogliamo consumiamola negli spuntini, ma associata ad un po’ di frutta secca per evitare i picchi glicemici, che anche la frutta può dare se mangiata in grosse quantità

by Renata Alleva