23 Novembre 2018

Scendendo senza fretta da Londra verso la Cornovaglia

I viaggi non organizzati ti sorprendono sempre. Ma in questo caso non avevo timori, mi ero comprata qualche giorno prima a Londra un cappello a tesa larga e mi sentivo pronta a immergermi nell’atmosfera delle campagne inglesi dei libri di Jane Austen!

Innanzitutto nel lento scendere da Londra, mentre il sole calava e gli allevamenti di maiali all’aria aperta (come spezzare la poesia) si contavano a decine, ho visto Stonehenge. Anche solo passarci a fianco è stata un’emozione incredibile, perché appare veramente come un luogo senza tempo, fermo ad osservare l’affannarsi degli uomini.

Con i suoi monoliti eretti nel periodo neolitico ha affascinato milioni di persone. Ed ancora oggi non si è capito quale sia stato il motivo che ne ha portato all’edificazione.

Poco distante da Stonehenge scorre il fiume Avon, che passa per la città di Salisbury. La città si scorge da lontano, lentamente, grazie all’altissima torre campanaria della Cattedrale, la più alta della Gran Bretagna grazie ai suoi 123 metri. Giusto per fare un confronto, sarebbe come se un grattacielo di 30 piani si innalzasse in mezzo alla campagna. Impressionante, no? La cattedrale è circondata da una cancellata, che racchiude anche parte della città. Ed all’interno del luogo sacro si scoprono tesori, come una delle quattro copie esistenti al mondo della Magna Carta, prendono vita installazioni di luce come tentacoli di meduse luminose e la storia dell’Inghilterra scorre davanti agli occhi dei visitatori.

Proseguendo il viaggio il paesaggio cambia scendendo via via verso il mare. La campagna lascia spazio alle colline con strade strettissime, moltissimi pascoli e spiagge nascoste. Ci si può ritrovare a passeggiare in fiabeschi villaggi come Looe, diviso in East and West da un fiume navigabile, dove le case sono strette e basse, i pub alle 17:00 spillano pinte di birra e gli abitanti si ritrovano nella piccola spiaggia ad osservare il tramonto sul mare.

Oppure Polperro, piccolo villaggio di pescatori dove ho mangiato il fish&chips più buono e più pittoresco della mia vita, di notte, con il vento ed i gabbiani che occhieggiavano al mio cartoccio di pesce come dei rapaci. Ma può anche capitare di scegliere una direzione solo per la bellezza della strada e ritrovarsi a prendere un caffè (americano, come lo bevo io!) in un bar su una spiaggia che sembra uscita dagli anni ’20 con i tipici capanni di legno che guardano il mare a Talland (e dimenticarsi del caffè facendolo raffreddare perché si è troppo intenti a pensare).

Scendere a Bodinnick (e dico scendere perché la strada segue una discesa ripidissima!), arrivare sulla punta del molo e prendere il battello per attraversare il canale verso Fowey, con il vento, la salsedine e la vista su questo anomalo “fiordo” inglese. E dopo aver mangiato aragosta (perché sì, si pescano aragoste!) si può passeggiare lungo il fiume e raggiungere la spiaggia Readymoney Cove di fronte al Castello di St. Catherine, mettere i piedi nell’acqua di mare e ammirare il panorama. Ma in mezzo a scorci suggestivi, villaggi pittoreschi e pascoli erbosi, nulla mi aveva preparata all’impensabile. Nascoste in un’antica cava di caolinite, si ergono cupole composte da esagoni metallici, come giganteschi e futuristici alveari.

E dentro queste cupole sorge l’Eden Project, un museo eco-naturalistico che racchiude al suo interno differenti ecosistemi, replicati per temperatura, umidità e adattamento ambientale, La profumata flora mediterranea e la selvaggia giungla tropicale si adattano perfettamente, permettendo a milioni di visitatori l’anno di capire, riflettere e meravigliarsi di fronte allo spettacolo della Natura.

A voi non resta che partire… E fidatevi, il resto verrà da sé.

Buon viaggio! Eleonora

P.S. ecco un paio di link per quelli che, al contrario di me, vorranno organizzare al meglio il loro viaggio!

1) Qualche info sull’Eden Project 
Eden Project Bodelva, Cornwall PL24 2SG (UK) Biglietti: £ 27 (adulti), £ 14 (bambini 5-16), £ 71 (famiglie 2 adulti + 2 bambini)

2) Stonehenge, dal neolitico ad oggi 

3) Curiosità sulla Cattedrale di Salisbury

4) Se non volete perdervi Looe (e le sue pinte di birra) 

5) Andiamo a Polperro a mangiare fish&chips? 

6) Se volete andare a bervi il mio caffè in riva al mare a Talland

7) L’inaspettato fiordo inglese di Fowey e Bodinnick 

by Eleonora Fiore