25 Marzo 2019

Bullet Journal: tra creatività e organizzazione consapevole

Ti senti persa e sfilacciata, tra mille impegni, ansie quotidiane e la sensazione che nulla di quello che hai programmato, raggiunga l’obiettivo?

Ecco, sei su una barca in cui stiamo molto stretti!

Il tema dell’organizzazione consapevole e del tempo è uno dei più emergenti degli ultimi anni: siamo presi da mille interessi, distrazioni, impegni e a volte focalizzarci è difficile, ci sembra di essere sommersi di desideri che rimangono velleità e di rado si trasformano in risultati.

Io sto attraversando questa fase proprio ora: un trasloco, alcuni progetti professionali e di scrittura che non riesco a fare filare come vorrei e la vita che deve riorganizzarsi. Non è facile. Ecco perché ho deciso di approfondire il bullet journal: una tecnica creativa per realizzare la mia agenda personale che sembra utile sia per tenere traccia degli appuntamenti, sia per capire come abbiamo gestito il nostro tempo passato e mettere a frutto quello che impariamo per il futuro. La tecnica del bullet journal non serve semplicemente a creare un’agenda personalizzata, ma soprattutto a mettere in ordine pensieri e impegni, creando continuità tra ciò che vogliamo essere e il nostro modo di muoverci nel mondo.

Cosa ti serve
Per realizzare il tuo bullet journal ti servono un quaderno/agenda a pagine bianche, matite, pennarelli e una buona dose di fantasia organizzata.

Come si procede

• Lascia in bianco le prime pagine del quaderno: ti servono per l’indice.

• Crea un glossario di simboli (disegnali tu) che ti saranno utili a destreggiarti tra i tuoi impegni.

• Disegna il calendario annuale a mano.

• Prevedi pagine per categorie: liste di idee, cose che devi comprare, obiettivi per i prossimi anni.

Prevedi pagine “obiettivi” che andrai a guardare ciclicamente (qualcuno consiglia di farlo ogni tre mesi) per capire se hai raggiunto ciò che ti eri prefissata. Un obiettivo potrebbe essere risparmiare qualche euro in più al mese: se entro tre mesi lo hai fatto davvero, allora potrai mettere una spunta su quell’obiettivo e avere la soddisfazione di averne realizzato un pezzetto.

Prevedi liste di libri che hai letto e film che hai visto, in modo da non perdere traccia di ciò che nutre la tua mente. Potrai così accorgerti se stai facendo abbastanza o se sarebbe il caso di prendersi un po’ più di tempo.

• Potresti essere una amante della natura e del camminare come me: perché non inserire anche una pagina dove scrivere quali sentieri hai percorso durante il mese?

Crea delle pagine ad hoc per ogni contenuto professionale: libera la tua mente, svuotala dal caos e metti in fila quello che vuoi fare.

Io sto studiando e ho capito che forse devo abbandonare il falso mito di dovere – per forza – essere Picasso e concedermi il lusso di creare un’agenda che mi assomigli e rappresenti.

Fonti interessanti per imparare
Se vuoi studiare insieme a me, io ho trovato molto utili questi video tutorial:

 

Cominciamo insieme?

by Francesca Sanzo