22 Aprile 2019

Essere curvy e volersi bene

Siamo talmente concentrate nel cercare di essere il meglio di noi che spesso ci dimentichiamo di chiederci quale sia quel meglio. “Voglio essere magra!” “I capelli bianchi devono sparire.” “Ho il sedere troppo grosso.”. Esistono persone che sono naturalmente dotate di curve e ci mettono una vita intera a capire che il loro corpo è in armonia con l’anima e che basta cambiare punto di vista per accorgersi di quanto sia bello nella sua specificità. A volte, per esempio, basta assumere il punto di vista maschile: ci sembra sempre di non essere attraenti perché pensiamo che siano gli altri a non vederci tali, ad avere canoni di bellezza fondati sulla magrezza, su una presunta perfezione del corpo che è lontanissima, in realtà, dal corpo reale. Chi ci guarda sa apprezzarci per quello che siamo e spesso, anzi, preferisce forme più morbide di quelle imposte dalla pubblicità.

Non dico che dobbiamo amarci in funzione del gusto maschile perché l’amore di noi e del nostro corpo è un percorso che passa anche dall’emancipazione dall’approvazione altrui, ma quando proviamo a guardare negli occhi di chi ci desidera, ci accorgiamo che è molto meno intransigente di noi.

Impariamo a guardarci con altri occhi ma anche con quelli dell’amore e dell’unicità: il seno che ha perso la tonicità dei vent’anni, i fianchi larghi di chi ha messo al mondo un figlio e le cosce morbide raccontano una storia, la nostra e sono il frutto di tutti i passi che abbiamo fatto nella vita.

Hai sempre avuto un seno importante e ti mette a disagio? Inizia a portarlo con disinvoltura e la disinvoltura si trasformerà presto in grazia. Le pubblicità dall’estetista ti hanno fatto credere che la cellulite sia un inestetismo che ti rende brutta? E se a vederla fossi solo tu perché ti confronti di continuo con irreali cartelloni pubblicitari, frutto di sapienti ritocchi dell’immagine?

Ci sono – fortunatamente – persone che delle proprie curve fanno vanto e che con il loro costante lavoro di comunicazione ci aiutano a vedere tutti gli aspetti positivi dell’essere curvy.

Da seguire assolutamente
Fabiana Sera (attrice, speaker radiofonica e modella) con Mondo Curvy, una pagina facebook allegra, ironica e che invita all’accettazione del proprio corpo.

Morbida è la vita è il progetto di Giorgia, orgogliosa modella curvy. Il suo è uno dei siti più seguiti in tema di moda curvy e il modo in cui si racconta è sempre molto autentico e coinvolgente.

Curvy Pride è il progetto di Maryanna Lo Preiato che premia l’unicità: una buon promemoria per ricordarsi di quanto il nostro corpo possa essere amabile.

Curvy e obesità sono due cose diverse
Sono stata obesa e ho alternato momenti in cui riuscivo ad amare comunque il mio corpo ad altri in cui invece ne sentivo i limiti: credo che il confine sottile tra grasso che fa male alla salute ed essere curvy stia nell’onestà con sé stessi. Vogliamoci sempre bene qualunque siano le nostre forme, ma cerchiamo di tenere uno stile di vita sano e in movimento e se i parametri di salute non sono quelli che ci consentono di vivere bene e in modo sano, pensiamoci e lavoriamo per prenderci cura di noi.

by Francesca Sanzo