24 Febbraio 2020

Perché ci interessa l’autenticità, anche online

L’autenticità è un valore sempre più percepito tanto che anche le aziende autentiche ne guadagnano in reputazione.
Autenticità è aderire ai propri valori non solo a parole ma con azioni concrete e uno stile riconoscibile.
Autenticità è anche e soprattutto ispirare gli altri a fare meglio: quel piccolo sforzo in più che fa la differenza.

Online e sempre di più, vincono i profili di persone autentiche: persone che sanno prendersi in giro ma che sanno anche prendere posizione sulle questioni a cui tengono.

Domenica 1 dicembre ero alla Bellezza delle parole  e mentre ascoltavo Paolo Iabichino ricordarci quanto sia importante trattare le parole con responsabilità, mi dicevo che già questo potrebbe essere un gesto rivoluzionario e che il cercare di essere autentici per me significa prima di tutto essere pienamente responsabile dei miei valori, incarnarli, raccontarli e condividerli perché possano essere messi in comune con altre persone e significa farlo sia online che offline.

Ecco allora che non posso non pensare al progetto Parole O Stili che ti invito ad approfondire: un progetto sociale di sensibilizzazione contro la violenza delle parole, specialmente online.
Le parole gentili e scelte con cura dell’altro non sono parole finte, anzi aiutano l’autenticità a risplendere, fanno venire a galla il meglio di noi e degli altri, perché è nella condivisione e nell’ascolto che si genera comunicazione umana vera.

Seguiamo persone autentiche perché sanno mettersi in gioco, ironizzare sui propri difetti e fallimenti e perché ci fanno da specchio virtuoso: abbiamo sempre bisogno di buoni esempi per prosperare.

Seguiamo persone autentiche perché siamo immersi in un flusso narrativo che deve proporci non la verità ma storie credibili e replicabili: ci piacciono persone vere che raccontano storie (che non è detto che siano vere) ma che incarnano completamente.

E tu ci riesci a raccontarti in maniera autentica sui tuoi profili social?

Se vuoi provarci, ecco qualche piccolo suggerimento:

• Racconta eventi e momenti della tua vita che pensi possano riguardare anche altri
• Racconta qualcosa che hai imparato e non per insegnare ma per condividere la tua esperienza.
• Usa il tuo “lessico familiare”: se sei “sfranta” di stanchezza ma “carica” di entusiasmo, scrivilo esattamente come lo dicessi alla tua migliore amica.
• Sii la prima ad accogliere errori e sfide e non usare, necessariamente, un linguaggio battagliero: l’autenticità ogni tanto teme di non farcela, proprio come tutti noi
• Cerca sempre di illuminare un dettaglio (della giornata, di un progetto, di un incontro) con una foto o un testo che lo racconti da un punto di vista tuo. Spesso non siamo allenati a vedere i dettagli e basta solo che qualcuno ce li faccia notare.
• Usa l’ironia: potente medicina per sé stessi e gli altri.

Sei pronta a diventare autenticamente narrativa?

by Francesca Sanzo