25 Luglio 2019

Sosteniamo i talenti

Quasi tutti i bambini fanno sport, e questo è importante. Lo sport allena mente e corpo, fa prendere coscienza di tutto il nostro essere, perché attiva ogni parte: muscoli, cervello, emozioni, autostima, relazioni. Ma purtroppo accade spesso che, se un bambino non eccelle in uno sport, gli adulti lo ritengano privo di talento, ma non è così. I talenti sono ovunque e vanno sempre ricercati, alimentati, sostenuti. Ognuno di noi ha uno o più talenti e si può esprimere la propria passione nel cucinare, nella musica, nello sport, nella comunicazione, nell’empatia, nel prendersi cura, nel recitare, nell’apprendere, nella memoria, nel creare o costruire, disegnare, nella fotografia, leggere, scrivere, inventare e potrei andare avanti per ore.

Ma la cosa importante è riflettere su questo aspetto: i talenti possono essere immensi anche se a volte non sono così evidenti. Se non vengono scovati, sperimentati, riconosciuti e allenati, rimangono lì nascosti e creano insoddisfazione, perché i talenti completano le persone, gli danno un significato più deciso, permettono di distinguersi, di sentirsi speciali e di realizzare la parte migliore di sé. Per questo dico da sempre che il nostro compito è permettere ai bambini di sperimentare, di conoscere il mondo in ogni sua forma e “sentire” cosa è più interessante per ognuno di loro, provare ed eventualmente scegliere. Questo permette di diventare persone ricche, soddisfatte, complete, appagate, insomma esseri migliori.

A volte i bambini sono timorosi e indecisi, hanno paura di non essere abbastanza capaci, credono di non sentire nessun interesse in particolare perché non si sentono all’altezza di un desiderio, di un progetto, di un sogno, ed è proprio qui che dobbiamo mettere il nostro impegno. Dobbiamo evidenziare la loro unicità e specialità, confermando la meraviglia che sono, alimentando la loro autostima affinchè possano identificarsi in se stessi e vedersi belli.

Il segreto fondamentale perché ogni bambino sia felice è che si senta realizzato, sapere che può tutto, essere sicuro che ogni sua passione può trovare la giusta collocazione, basta che lui lo voglia, e se a volte pensa che il mondo sia privo di interessi, allora va guidato a scoprirne la meraviglia.

Appassionateli alla bellezza, attraverso la natura, l’arte, la musica, la conoscenza; acquisiranno consapevolezza e fiducia non solo in se stessi, ma anche in ciò che c’è fuori, per capire che la vita è entusiasmo e bellezza. In questo modo caricherete di ottimismo e tenacia i vostri bambini perché possano riconoscere le opportunità e affrontare le difficoltà mantenendo un equilibrio perfetto. E sapete quale sarà l’effetto collaterale di tutto ciò? Che vi appassionerete anche voi, ancora di più, della vita stessa, costruendo nuovi ed entusiasmanti progetti, coinvolti e uniti da una visione ottimistica della realtà che vi appartiene.

by Tata Simona